Come lavare un gatto

Lavare un gatto è una buona idea per mantenere il vostro animale pulito e curato, ma il difficile viene quando è necessario bagnare il vostro felino. Se il vostro gattino ha ancora i suoi artigli, questa operazione può sembrare più difficile di quella che è.

La chiave per il successo di un bagnetto al gatto è senza dubbio la preparazione. È necessario assicurarsi di avere tutti gli elementi necessari a portata di mano, ed è in generale un lavoro adatto a due persone. Infatti, sarà necessario tenere almeno una mano sul vostro gatto in ogni momento, per cui sarà difficile portare a termine il processo senza la collaborazione di un aiutante.

L’operazione dovrebbe essere fatta in un lavandino che ha un sistema di nebulizzazione. In alternativa, considerate l’utilizzo di due grandi contenitori, ognuno dei quali è all’incirca delle dimensioni del vostro lavandino. Non lavate il gatto nella vasca, poiché i gatti ne hanno molta paura. Mettete sul pavimento degli asciugamani vecchi per non rischiare di scivolare su un pavimento bagnato.

Se il vostro gatto ha gli artigli o è incline a mordere, si consiglia di indossare dei guanti robusti e una vecchia camicia a maniche lunghe. Nel caso, tenete pronte delle bende e un antisettico. Per il lavaggio avrete bisogno di: alcuni asciugamani vecchi, un tappetino in gomma per il lavandino, due tazze, un panno morbido, uno shampoo per gatti, dei batuffoli di cotone.

Posizionate il tappetino di gomma nel lavandino e riempitelo con circa 10 cm di acqua a temperatura corporea quanto basta per arrivare alla pancia del vostro gatto. Non riempite troppo: i gatti sono molto sensibili alla temperatura dell’acqua, quindi è importante controllarla versando un po’ d’acqua sul lato inferiore del polso: non si dovrebbe sentire né caldo né freddo.

Mettete un po’ di shampoo in una delle tazze e riempitela con l’acqua del lavandino, per evitare che il gatto sia sconvolto da una dose di shampoo improvviso freddo. Prendete il vostro gatto, accarezzandolo, e parlate con lui dolcemente in modo che non diventi troppo sospetto su ciò che sta per accadere. Fate in modo di avere una presa stabile sulla sua collottola.

Abbassate delicatamente ma rapidamente il gatto nel lavandino con i 10 cm di acqua. Con ogni probabilità, il vostro gatto tenterà subito di uscire. Se ha gli artigli, questa può essere una situazione molto pericolosa, nella quale può fare danni. Mantenete una stretta costante sul vostro gatto in ogni momento. Questo è il motivo per cui è importante un’altra persona per aiutarvi.

Con la tazza vuota, versate delicatamente l’acqua del lavandino sul vostro gatto. Versate la soluzione diluita di shampoo su di lui e massaggiatene il pelo. Non mettete mai lo shampoo sulla faccia, sugli occhi o sulle orecchie. Bagnate il panno in acqua pulita e lavate delicatamente il suo muso. Anche in questo caso, non usate lo shampoo per pulire il viso del vostro gatto.

Sciacquate via lo shampoo accuratamente dal vostro gatto, e scaricate l’acqua se diventa troppo alta. Se si utilizza un sistema di nebulizzazione, controllate la temperatura dell’acqua, e assicuratevi che la pressione non sia troppo grande. Posizionate l’ugello vicino al pelo del vostro gatto in modo che non abbia la sensazione di “spruzzo”. Eliminate ogni residuo di shampoo.

Una volta che il gatto è stato completamente sciacquato, sollevatelo fuori del lavandino con un asciugamano morbido. Cercate di mantenerlo avvolto in un telo di spugna, lontano da correnti, togliendo l’acqua in eccesso. Non strofinate con l’asciugamano dato che ciò può essere molto irritante per un gatto già innervosito. Ripetete più volte l’operazione con degli asciugamani asciutti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *