Come riciclare risotto

Il riciclo del cibo è sempre una buona abitudine, e può essere estremamente piacevole se applicato con saggezza. Imparate quindi a lavorare con i vostri avanzi, usate il congelatore, il frigorifero, e una buona dose di fantasia, e riuscirete a preparare pasti veloci e saporiti.

Una idea semplice per riciclare un risotto è quella di fare degli arancini di riso, o croquettes di riso. Nel caso in cui si desideri provare questa ricetta, ma non si hanno gli avanzi da riciclare, basta semplicemente cuocere 1 tazza di riso bianco, lasciarlo raffreddare, quindi seguite ogni passo come se aveste del risotto avanzato, ma siate generosi quando si tratta di aggiungere sale e pepe.

Separate innanzitutto il tuorlo d’uovo da un uovo. Poi tagliate a pezzettini molto piccoli l’imbottitura, tipicamente del prosciutto e della mozzarella. Lavate del prezzemolo e tritatelo bene. In una grande ciotola, versate il risotto rimasto, il tuorlo d’uovo, il parmigiano, la mozzarella, il prosciutto e il prezzemolo. Mescolate bene con un cucchiaio di legno tutti gli ingredienti insieme.

Rompete due uova e sbattetele in una ciotola medio-piccola. Preparate una piccola ciotola con la farina e una con il pangrattato. Create delle palle di riso e, una per una, rotolate delicatamente ogni palla nella farina, poi immergetele nelle uova sbattute e poi rotolatele di nuovo nel pangrattato. In questo modo si creerà una bella crosta sulla parte esterna delle crocchette.

Riscaldate fino a circa 1,5 bicchieri di olio di semi in una padella antiaderente. Preparate due piatti con qualche tovagliolo di carta per asciugare le palle di riso quando vengono tolte dalla padella. Quando l’olio è pronto, friggete le crocchette; ricordate l’ordine con cui le avete messe nella padella: la prima messa nell’olio, sarà la prima ad essere girata e poi ad essere tolta.

La procedura è abbastanza veloce, girate le crocchette un paio di volte per assicurarvi che siano cotte uniformemente, e non preoccupatevi se qualche volta della mozzarella si riversa fuori. Ricordate che state cucinando gli avanzi, per cui il risotto è già cotto e condito. Fino a quando le palline sono fritte decentemente, non dovete preoccuparvi neppure del “tempo di cottura”.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *