Come rimappare centralina auto fai da te

I moderni sistemi di accensione elettronici delle auto sono nati per dare un controllo più preciso dell’erogazione del carburante e della temporizzazione della scintilla. Una mappa completa delle variabili è stata inserita nel programma di accensione e temporizzazione dell’auto, e può essere letta sotto forma di una tabella collegando la centralina dell’auto a un PC.

Ora la temperatura dell’aria, la velocità del motore, il carico del motore e anche il controllo su turbo / scarico e carburante sono monitorati elettronicamente, per cui è possibile la gestione precisa della fasatura di accensione del motore e si può raggiungere la potenza massima a tutti i regimi. Pertanto, a che cosa serve effettuare la rimappatura della centralina?

L’accensione elettronica permette al produttore di impostare una guida economica con le normali velocità su strada, come 50 km/h, 90 km/h e 110 km/h, alle quali la maggior parte delle vetture spendono gran parte del loro tempo. Tuttavia, è possibile anticipare il momento in cui l’acceleratore dà maggiore potenza o posticiparlo quando si viaggia a velocità costante.

Quando un produttore crea una mappa di temporizzazione, tiene conto di un grande margine di errore per far fronte a: intervalli di temperatura avversi, difetti minori e cattive condizioni meteo o d’altro tipo. Perciò, anziché realizzare una mappa di temporizzazione su misura per ogni singola auto, i produttori adottano una mappa standard per tutte le auto dello stesso modello.

D’altra parte, i produttori stessi utilizzano la rimappatura per la produzione di versioni di potenza differente dello stesso motore. Pertanto, chiunque voglia aumentare le prestazioni del proprio motore dovrebbe prendere in considerazione una rimappatura. Se la vostra auto è un modello turbo e ha un controllo elettronico di iniezione del carburante, ci sono enormi guadagni di potenza ottenibili con una rimappatura, al costo però di manutenzioni più frequenti del veicolo.

In pratica, si deve essere pronti a sostituire i componenti che si usurano a causa del lavoro supplementare che stanno facendo. Quando un motore è sintonizzato per produrre più energia, si crea anche più stress e tensione, quindi le cose inizieranno a rompersi, come ad esempio i sensori di flusso d’aria. Pistoni e cuscinetti avranno bisogno di cura e attenzione e la frizione durerà meno. Se non si dispone di un motore turbo, invece, c’è ben poco da guadagnare con la rimappatura.

Quindi, per le auto non turbo conviene modificare prima tutto il resto (camme, pistoni, aumentare la compressione, l’equilibrio del motore, presa d’aria, gas di scarico, etc.), e solo dopo che queste cose sono state fatte si può considerare una rimappatura, che vi aiuterà a ottenere il massimo beneficio da queste modifiche, ma che può costarvi qualche centinaio di euro.

Alcune auto non sono facili da rimappare. Il produttore ha la chiave per la centralina e blocca la sua mappa nel proprio firmware. Alcune centraline non sono riprogrammabili. In altri casi, invece, la centralina è riprogrammabile collegandola a un computer portatile dotato di un apposito software. Con il veicolo a motore acceso, si possono quindi cambiare i parametri voluti. Tuttavia, questo è un lavoro che è meglio lasciare ai professionisti, se non si è più che esperti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *