Come curare la sinusite fai da te

La sinusite di solito si verifica a causa di un virus, ma può essere causata anche da batteri o funghi. Inoltre, è spesso innescata da un freddo che provoca gonfiore e infiammazione dei seni nasali e porta ad un accumulo di muco, bloccando così i seni in questione.

I seni nasali sono sacche piene d’aria poste fra gli zigomi e la fronte che, quando si riempiono di liquido, ospitano i germi che danno luogo alle infezioni. Altre condizioni che possono causare un’infezione sinusale includono le allergie, i polipi nasali, un setto deviato, e l’esposizione a sostanze inquinanti e irritanti dei tessuti, come gli spray nasali, il fumo di sigaretta e la cocaina.

I sintomi più comuni di infezioni del setto nasale includono mal di testa, dolore alla pressione, il naso chiuso, la secrezione nasale, il mal di gola, la tosse e la febbre. Per alleviare i sintomi di un’infezione del setto nasale, è possibile usare alcuni semplici rimedi domestici naturali, come vedremo. Inoltre, consultate il vostro medico per una corretta diagnosi e trattamento.

L’irrigazione nasale è di grande beneficio per curare la sinusite in quanto aiuta a sgombrare il setto nasale dal muco e altri detriti. Inoltre, li mantiene umidi. Mescolate un cucchiaino di sale e mezzo cucchiaino di perossido di idrogeno in un bicchiere di acqua calda distillata. Usate questa soluzione per l’irrigazione nasale con il bulbo di una siringa o altro dispositivo di irrigazione. Fate questo una volta al giorno (non di più) per un paio di giorni fino a ottenere un qualche sollievo.

In alternativa, usate l’aceto di sidro di mele, che ha proprietà antivirali, antibatteriche, antimicotiche e anti-infiammatorie che aiutano a trattare le infezioni del setto nasale. Prendere l’aceto di mele all’inizio di raffreddori, influenza o allergie può aiutare a prevenire una sinusite in via di sviluppo. Aggiungete due cucchiaini di aceto di sidro di mele a una tazza di acqua calda. Mescolate con un cucchiaino di miele. Bevete questa soluzione tre volte al giorno per cinque giorni.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *