Come derattizzare fai da te

I topi o ratti sono noti per mangiare ciò che gli esseri umani mangiano. Quindi, se siete un proprietario di casa, e volete evitare di avere che fare con un numero sempre maggiore di questi roditori, dovete respingerli dalla vostra proprietà con sistemi fai-da-te, o rischiate di essere costretti ad assumere dei professionisti per derattizzare, il che però comporta una maggiore spesa.

Quindi spetta a voi decidere da che parte andare, se imparare a gestire il problema dei topi da soli o pagare una società di professionisti con anni di esperienza per farlo. Entrambi gli approcci funzionano bene, quando le cose sono fatte bene. Se si decide di fare da soli, naturalmente si deve essere informati e pronti ad affrontare queste creature, e occorre trovare una soluzione affidabile, semplice e veloce per sbarazzarsi di questi roditori fastidiosi sul proprio territorio.

Per il controllo fai-da-te dei topi è possibile percorrere varie strade: respingere / dissuadere, porre trappole o usare del veleno. Tentare prima di respingere i topi con dei repellenti naturali costituisce sempre la scelta migliore per tenere i topi lontano dalla vostra proprietà, impedendogli  di infestare la vostra casa ed evitare la necessità di sterminarli in seguito. Insomma, respingere i topi in modo efficiente evita di ucciderli, pertanto tale metodo è più “umano” e spesso è risolutivo.

Esistono vari tipi di repellenti, molti dei quali del tutto naturali, per topi: menta, olio di menta piperita, palline di naftalina, repellenti liquidi per topi, dispositivi elettronici a ultrasuoni, acido borico + burro di arachidi, patate dolci crude, fagioli secchi crudi e arachidi, un gatto vivo, ammoniaca, macchine stroboscopiche. Ogni metodo è accuratamente analizzato e illustrato su Internet, per cui scegliete quello che più vi interessa per cercare i relativi pro e contro.

La maggior parte dei veleni per topi – noti anche come topicidi per usare il loro nome scientifico – sono costituiti da sostanze chimiche, con l’unico scopo di uccidere i roditori. Utilizzare il veleno per topi per respingere i topi è una soluzione molto controversa, a causa dei suoi effetti nocivi per l’ambiente circostante, gli animali domestici e perfino per gli esseri umani. Non sono rari gli incidenti mortali a cani, gatti e altri animali che vivono in prossimità del veleno.

Dunque, va valutata la possibilità di usare le trappole, che sono state utilizzate per catturare e uccidere i topi da lunghissimo tempo. Questi dispositivi hanno dimostrato di essere uno dei modi più efficaci per affrontare tutti i tipi di roditori infestanti, grandi o piccoli. Non a caso, sia i proprietari di casa sia le aziende per il controllo dei topi ne fanno uso al giorno d’oggi. Tutte le trappole sono divise in due categorie principali: letali e non letali, per chi non ama il sangue.

Esistono vari tipi di trappole per topi: a gabbia, con collanti, elettroniche, etc. Il problema principale con l’utilizzo di trappole è il sospetto dei roditori verso nuovi oggetti, è per questo che di solito solo i giovani topi totalmente inesperti rimangono intrappolati. I topi che riescono a sopravvivere diventano più esperti e sarà estremamente difficile ucciderli con tali dispositivi in ​​seguito.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *