Come eliminare il tartaro fai da te

Il deposito minerale che si forma sulla superficie dei denti è noto come tartaro. Con il passare del tempo, la quantità di tartaro aumenta e, se non ce ne prendiamo cura, può causare la parodontite.

In particolare, la placca è una pellicola appiccicosa e morbida di batteri che si accumula sui denti, otturazioni dentali, gengive, lingua, protesi e corone. Quando più strati di placca si combinano con i minerali presenti nella vostra saliva, si indurisce a formare una sostanza calcificata gessosa chiamata tartaro. I batteri orali si nutrono di zuccheri provenienti dal cibo che si mangia.

Inoltre, durante questo processo si forma dell’acido che rompe lo smalto dei denti, portando a carie dentali. I batteri producono anche tossine che causano diversi problemi parodontali. Vari fattori contribuiscono alla formazione della placca, come ad es. un’impropria igiene orale, una cattiva tecnica di spazzolamento, scelte alimentari errate, l’ereditarietà e la mancanza di diligenza. Mantenere l’igiene dentale è fondamentale per evitare l’accumulo di placca e tartaro.

Naturalmente, il modo migliore per rimuovere il tartaro è pagare una visita al vostro dentista, ma un altro modo è rimuovere il tartaro a casa con metodi fai-da-te. Per fare ciò, avrete bisogno di: bicarbonato di sodio, spazzolino da denti, perossido di idrogeno, sale, acqua. Il bicarbonato di sodio, infatti, è lo strumento più popolare ed efficace per la rimozione della placca.

In primo luogo, mescolate un cucchiaio di bicarbonato di sodio con ½ cucchiaino di sale in una tazza. Dopo aver bagnato lo spazzolino da denti con acqua calda, immergetelo nella miscela. Lavate i denti con essa e sputate. Continuate lo stesso processo per cinque minuti.

Poi mescolate una tazza piena di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) con ½ tazza di acqua tiepida e sciacquate la bocca per un minuto, poi sputate e risciacquate questa volta con una ½ tazza di acqua fredda. A questo punto strofinate il tartaro dai denti gialli con un pick dentale e con il filo interdentale. Fate attenzione a non graffiare le gengive perché può irritarle e danneggiarle. Dopodiché, sciacquate la bocca con un colluttorio antisettico e ripetete ogni due giorni.

Una volta che il tartaro si è mineralizzato sui denti, è estremamente difficile da rimuovere. Tuttavia, se si rimuove la placca regolarmente, ciò può aiutare a prevenire la carie dentaria. Per evitare l’accumulo di placca e tartaro dovreste lavarvi i denti con un buon dentifricio almeno due volte al giorno. Assicuratevi di spazzolare la lingua perché supporta la crescita di batteri che portano alla formazione di placca. Usate il filo interdentale regolarmente per pulire i denti e le gengive.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *