Come fare un controsoffitto fai da te

L’applicazione di un controsoffitto presenta una serie di vantaggi. È possibile rendere una stanza o un corridoio più attraente, oppure è possibile utilizzarlo per nascondere travi di copertura o un tetto non finito. È possibile adattare faretti da incasso al soffitto, e nascondere i cavi di alimentazione e dei tubi. Infine, un controsoffitto può permettere un grande risparmio nei costi per il riscaldamento.

Oggi sono disponibili diversi sistemi per effettuare controsoffittature utilizzando staffe e pannelli per il soffitto, ad esempio in cartongesso. Nell’ottica del fai-da-te, abbiamo scelto di utilizzare una struttura di legno (su cui applicare i pannelli) che si può realizzare da soli, ma è possibile realizzarla anche in metallo, se si utilizzano le strutture per cartongesso usate dai professionisti.

Pertanto, il primo passo è fissare al soffitto intonacato delle travi in legno parallele a una distanza di 40 cm fra loro, per fungere da struttura di supporto. Avvitate i sostegni al soffitto esistente utilizzando viti e tasselli. Accertatevi di aver inserito tutti i supporti alla stessa altezza. Si noti che le travi di copertura possono essere di diverse altezze: quest’ultima non è decisiva.

Il passo successivo è quello di decidere l’altezza del nuovo soffitto. Misurate l’altezza desiderata dal pavimento e segnatela ai 4 angoli della stanza. È quindi possibile utilizzare puntoni della lunghezza giusta per fissare i pannelli del controsoffitto. A questo punto fissate alle travi dei montanti verticali, o spine, in modo da creare poi delle cornici sospese al soffitto preesistente.

Non dimenticate di applicare isolamento tra i montanti verticali per creare uno strato isolante senza interruzioni. Indossate guanti, occhiali protettivi, mascherina antipolvere e indumenti protettivi quando lavorate con materiali isolanti. Dopodiché, fissate la prima fila di pannelli del soffitto. I pannelli isolanti vengono poi montati sulle cornici sospese che avete creato.

I pannelli isolanti sono di solito 60 cm di larghezza. Quindi, se si fissa anche i puntoni con una spaziatura di 60 centimetri, i pannelli isolanti si adatteranno esattamente tra di loro. Ciò significa che non sarà necessario tagliare i pannelli a misura. Avvitate il primo pannello del soffitto a sinistra contro il muro, con viti da 25 mm per cartongesso e con una distanza tra le viti di 20 cm.

Applicate un giunto di dilatazione di 8 mm tra il pannello e la parete. Questa lacuna viene in seguito ricoperta da una striscia di finitura. Montate il pannello del soffitto successivo con il lato corto contro il lato corto del primo pannello, seguito dal lato lungo. Per tagliare un pannello in lunghezza, segnate prima la linea di taglio sulla superficie visibile e poi tagliatelo con un cutter.

Se si desidera completare i giunti tra i pannelli del soffitto, assicuratevi che siano puliti e senza polvere. Quindi riempite i vuoti con la pasta di stuccatura e una spatola. Dopo l’essiccazione per 24 ore, se necessario, lisciate ed applicate un secondo strato. Per evitare in seguito delle screpolature, è possibile usare una rete flessibile fissata in posizione con la pasta di stuccatura.

Se volete installare dei faretti da incasso nel controsoffitto, è necessario installare i cavi quando si è nella fase di montaggio della struttura portante. Tagliate i fori per i faretti sui pannelli con una grande sega a tazza. Fate passare i cavi per tutte le posizioni in cui andranno i faretti, ed effettuate il cablaggio dell’impianto in conformità alle normative elettriche vigenti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *