Come mettere il silicone ai sanitari

Il silicone sigillante è utilizzato per chiudere le fessure, tenere fuori l’umidità e riempire tutte le lacune. È elastico, in modo che possa permettere un certo movimento, ed è disponibile in tubi e cartucce. Una cartuccia è sufficiente per una sigillatura di circa 12-13 metri di lunghezza, con uno spessore di 5 millimetri.

Che tipo di sigillante siliconico bisogna usare? La composizione del sigillante elastico determina come, e quanto rapidamente, si indurisce. Un sigillante universale costituisce una buona scelta per un uso generale. Per l’uso nel bagno o in altre zone umide, la scelta migliore è un sigillante resistente alle muffe. Questo evita l’annerimento del silicone nel corso del tempo. Si noti che alcuni tipi di silicone sigillante possono essere verniciati sopra, mentre altri tipi non possono.

Inoltre, non tutti i tipi di silicone sigillante sono adatti per ogni tipo di lavoro. Ad esempio, il sigillante acrilico non è adatto per l’uso su vetro, piastrelle e altre superfici lisce, mentre la gomma siliconica, i sigillanti per Teflon e il bitume hanno una migliore adesione su superfici bituminose e materiali di copertura. In alcuni casi, l’adesione fra il sigillante e la superficie del materiale su cui va applicato può essere migliorata applicando dapprima uno strato di primer.

La maggior parte dei sigillanti siliconici sono disponibili nei colori bianco, grigio, nero, marrone o trasparente. È possibile scegliere il colore che più si avvicina alla superficie sottostante, oppure dipingere successivamente il sigillante dello stesso colore della superficie. Controllate prima sulla confezione se il sigillante può essere verniciato oppure no. Se avete intenzione di mettere la vernice sopra il sigillante, ricordate che la pittura stessa non è elastica, quindi potrebbe rompersi.

Se il sigillante siliconico contiene delle componenti acide, può avvenire un’ossidazione sulla superficie sottostante. Ciò può accadere su specchi, piastrelle in pietra e marmo, alluminio o rame. Per essere sicuri che ciò non accadrà, scegliete sigillanti privi di acido. Si può facilmente controllare questa caratteristica annusando la parte inferiore della cartuccia una volta aperta.

Come si applica il sigillante siliconico? Innanzitutto, occorre pulire la superfici. Se volete riempire una crepa in un angolo di un muro, è necessario prima rimuovere tutto il materiale sciolto con un raschietto o un coltello affilato. Poi pulite la zona con una spazzola o un aspiratore. Si dovrebbe rimuovere anche eventuali residui di colla, sigillante od olio con alcool o con uno sgrassante.

Se si desidera un risultato il più possibile pulito e non siete sicuri di riuscire ad applicare il sigillante in linea retta, in particolare in luoghi difficili da raggiungere, allora è meglio effettuare una mascheratura usando del nastro adesivo. Applicate il nastro in modo da coprire entrambi i lati della linea da sigillare, e poi rimuovete il nastro prima che il sigillante siliconico sia asciutto.

Utilizzate un cutter per tagliare la cartuccia a tenuta. Poi tagliate una piccola parte della punta dell’ugello applicatore per dare una linea sottile di sigillante siliconico. Se si taglia fuori una parte più grande dell’ugello, la linea sigillante sarà più ampia. Rendete la linea di sigillante più larga di 1 o 2 mm rispetto alla fessura da riempire. Poi caricate la cartuccia nella pistola sigillante. Quando si tira la maniglia, l’ugello dell’applicatore si riempirà automaticamente di sigillante.

La migliore posizione di lavoro è di tenere la pistola con il sigillante ad un angolo di 45° e di tirare la pistola verso di sé. Per applicare il sigillante ordinatamente è necessario trovare la giusta velocità di lavoro. Se ci si sposta troppo lentamente si otterrà una superficie sigillante irregolare, e si spreca inutilmente sigillante. Se ci si sposta troppo in fretta, invece, non sarà possibile ottenere un buon riempimento della fessura. Quando raggiungete la fine della fessura, rilasciate la maniglia.

Per la rifinitura della linea di sigillante, bagnate il dito con un po’ di acqua e sapone in un piatto o bacinella e poi appianate la linea tracciata. Il sapone impedisce al sigillante siliconico di attaccarsi al dito. È inoltre possibile applicare un po’ di acqua e sapone con uno spray. Rimuovete eventuali tracce di sigillante con acqua e sapone. Dopo che il sigillante si è asciugato, è possibile rimuoverlo con un coltello e una spugna dura, o con spatole speciali e normali detergenti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *