Come pavimentare un terrazzo fai da te

Pavimentare un terrazzo è un lavoro che senza dubbio si presta al fai da te. Ovviamente, nessuno vuole trasformare il proprio giardino in una giungla di cemento, ma una superficie di pavimentazione – in pietra, cemento, mattoni, geometrica o addirittura folle – può essere una grande idea.

Per un terrazzo durevole che resista bene nel tempo, la pietra naturale è preferibile al calcestruzzo. Tuttavia, esistono varie alternative eco-compatibili. Se si utilizzano lastre di cemento, acquistate quelle a base di una miscela di aggregati riciclati. Inoltre, poiché il terrazzo può diventare scivoloso quando è bagnato, per evitare cadute preferite una superficie antiscivolo.

Una volta fissata la disposizione del terrazzo, marcate la posizione del vostro patio o il percorso da pavimentare con il gesso. Mantenete una certa distanza dai grandi alberi e verificate le misure prima di scavare per creare una solida base per la pavimentazione. Utilizzando una pala, scavate circa 10 cm su tutta l’area (di più se si tratta di un terreno particolarmente morbido), arrotolando le strisce di tappeto erboso. Utilizzate un marcatore a pioli per segnare il livello a lavoro finito.

A questo punto indossate occhiali protettivi e guanti pesanti, e ponete il materiale di un sottile substrato prescelto (mattoni o pietre rotte) nell’area scavata. Ciò per formare una base solida che coprirete con un sottile strato di sabbia livellato con un rastrello. Create in aggiunta uno strato di calcestruzzo, mescolando cemento con sabbia, ghiaia e acqua, e livellandolo perfettamente.

Dopodiché andate in un angolo e posate la prima mattonella. Mescolate la malta e mettete cinque piccole palettate di malta sul terreno: una ad ogni angolo della piastrella da posare e uno nel mezzo. Bagnate il retro della lastra ed abbassatela sulla malta. Fissate bene la lastra in posizione battendola con un pezzo di legno e un martello, e fate in modo di livellare su tutti i lati.

Ovviamente, se ci sono delle lacune sotto la mattonella, riempitele con della malta. Dopodiché sistemate una fila completa di mattonelle nello stesso modo, utilizzando una spaziatura di 5 mm tra loro per tenerle a una distanza reciproca uniforme. Utilizzare una livella a bolla per controllare che siano tutte livellate correttamente man mano che si procede nel lavoro.

Lasciate asciugare la malta per 48 ore prima di camminare sul terrazzo. Per un patio meno “geometrico”, si potrebbero tagliare alcune mattonelle a metà e mettete le file sfalsate di mezza mattonella. È possibile farlo utilizzando una smerigliatrice angolare con un disco di taglio di pietra. In questo caso, indossate occhiali di sicurezza, guanti e una mascherina antipolvere.

Come si raggiunge ogni bordo si dovranno tagliare alcuni dei mattoni con scalpello e martello. Una volta che tutti i mattoni sono in posizione, si sparge un sottile strato di sabbia sull’intera area e si utilizza una spatola per spingerla giù nelle fessure. Infine, utilizzate un annaffiatoio per bagnare la zona e far andar via la sabbia. Ripetete l’operazione finché gli spazi vuoti sono riempiti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *