Come riciclare bombolette spray

Ogni volta che si utilizza una bomboletta spray, non si immettono più nell’aria i famosi clorofluorocarburi responsabili del “buco nello strato di ozono”, dal momento che dell’entrata in vigore nel Protocollo di Montreal le sostanze chimiche dannose per l’ozono sono state bandite.

Questo comunque fa capire l’importanza del corretto riciclaggio delle bombolette spray. Rimuovete i tappi di plastica, e non appiattite o bucate la lattina, né rimuovete gli ugelli. La maggior parte delle bombolette spray sono realizzate in acciaio, facile ed efficiente da riciclare. Alcuni spray contengono del solvente infiammabile per cui possono esplodere sotto il sole o vicino al fuoco.

Le bombolette spray sono state inventate negli anni Quaranta negli Stati Uniti, come mezzo per uccidere le zanzare. Si hanno, al giorno d’oggi, molte probabilità di trovare bombolette spray nelle nostre case, non solo sotto forma di lacca per capelli, ma anche di vernici, insetticidi e deodoranti. Ogni anno vengono vendute e usate nel nostro Paese milioni di bombolette spray.

Oggi le bombolette spray sono realizzate in acciaio o in alluminio. Hanno uno spruzzatore di plastica ed un coperchio di plastica, e possono contenere un piccolo pezzo di metallo per aiutare a miscelare il prodotto quando la lattina viene scossa. All’interno della lattina, vi è un liquido o gas sparato fuori ad un alto tasso di velocità grazie ad un prodotto chimico usato come propellente.

In passato, i clorofluorocarburi (noti anche come CFC) erano il propellente più comune. Quando la gente ha capito i CFC distruggevano lo strato di ozono, sono stati vietati in molti paesi ed i produttori di aerosol hanno dovuto adeguarsi. Oggi, i prodotti alimentari usano anidride carbonica o ossido di azoto come propellenti, mentre altri utilizzano il propano o il butano.

Pertanto, si dovrebbe riciclare solo bombolette spray vuote, perché altrimenti possono esplodere. Le bombolette spray con anche solo un po’ di vernice spray o insetticida contengono ancora parte del propellente, e possono saltare in aria sotto pressione o se sottoposte ad alte temperature, ferendo i lavoratori della nettezza urbana o danneggiandone le attrezzature.

Inoltre, insetticidi e altre sostanze chimiche pericolose devono essere smaltite in modo da non danneggiare l’ambiente. Per questo, nella maggior parte degli stati, è illegale smaltire i rifiuti domestici pericolosi mettendoli in una discarica o un inceneritore. Perciò, usate tutto il materiale delle bombolette spray, che una volta vuote vengono trattate come qualsiasi altro tipo di acciaio o alluminio.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *