Come riciclare la carta fai da te

Riciclare in senso letterale la carta con il fai da te vuol dire usare della vecchia carta per produrre dei nuovi fogli riciclati a casa propria. Ecco quindi come fare la carta in casa.

Potete prendere dei vecchi fogli di giornale e altri tipi di carte “riciclabili”, sebbene la carta già riciclata (post-consumo) sia la migliore per una carta fatta a mano flessibile e durevole. Potete trovare questo materiale in abbondanza presso i negozi di alimentari. Potete anche usare dei piccoli pallet per prodotti, come ad esempio le mele, come pure i cartoni per le uova.

Se amate la cucina, probabilmente avete già una spatola di miscelazione in un cassetto da qualche parte. Ed avete anche un frullatore, anche se una volta che lo si utilizza per la fabbricazione della carta non è una buona idea di usarlo di nuovo in cucina. Strappate dunque la carta a pezzetti piccoli e mettete i pezzi nel frullatore. Riempite il frullatore con tanta acqua e accendetelo.

Usate i livelli di potenza opportuni affinché il materiale si rompa bene. A seconda di quanto materiale e acqua avete messo insieme, potrebbe essere meglio usare una potenza piuttosto che un’altra. Il mix di materiali e acqua dovrebbe alla fine avere la consistenza di una pappa. Per creare la carta avete ora bisogno di un retino piano a maglie fini, tipo zanzariera.

Potete creare voi stessi un retino teso da un’apposita cornice di legno o altro materiale, che potrete poggiare sulla vasca del lavabo. La maglia delle zanzariere è ottima perché relativamente poco costosa e di lunga durata. Avrete poi bisogno di uno stampo di legno più piccolo che può essere creato utilizzando vecchie cornici o anche solo rottami di legno che avete in giro.

A questo punto versate la miscela di materiale / acqua nello stampo, posizionato sul retino, a sua volta appoggiato orizzontalmente sul lavabo. Assicuratevi di versare il composto nel modo più uniforme possibile. Quando lo stampo è stato riempito abbastanza bene, usate la spatola per appianare i grumi. Fate attenzione a non usare troppa pressione quando lisciate la miscela.

Rimuovete lo stampo quando siete soddisfatti con l’uniformità della miscela, e non preoccupatevi se non è uniforme. Se la miscela è troppo grumosa per i vostri gusti, ripassatela di nuovo nel frullatore, aggiungendo più acqua. Premete verso l’esterno l’umidità, ad esempio usando un feltro e/o un altro retino tipo zanzariera posto sopra la “quasi carta riciclata”.

Premendo il feltro o il retino verso il basso con forza gentile, si sente l’acqua di scarico cadere via dalla miscela man mano che si applica la forza. Quando la maggior parte dell’acqua si è scaricata, il materiale è pronto per iniziare l’essiccazione. Il modo più veloce e migliore per asciugare un foglio di nuova carta riciclata è quello di metterlo in piano tra 2 pezzi di rete di nylon.

In sostanza, mettete un pezzo della rete di nylon sopra la parte superiore del foglio di carta nuova riciclata, che è ancora sul lavabo, capovolgete l’intero set-up in modo che il foglio di carta sia ora in cima e mettete un altro pezzo di nylon sopra. Fate attenzione a tenere il pezzo di maglia di nylon ben stretto al retino quando lo girate o il foglio di carta riciclata cadrà a pezzi.

Una volta che ci si sente a proprio agio con il processo di fabbricazione della carta, è possibile iniziare a sperimentare con diversi colori di carta, etc. L’aggiunta di una vernice a base d’acqua è in grado di trasformare una miscela incolore in un pezzo colorato di carta.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *