Come rivestire un divano fai da te

Rivestire un divano con il fai-da-te in realtà non è più complicato del rivestire una poltrona, ma richiede sicuramente più lavoro e più tempo, semplicemente perché è più grande.

Il rivestire un divano da soli ha 2 grandi vantaggi: in primo luogo, si possono risparmiare un sacco di soldi e, in secondo luogo, è possibile personalizzare il vostro divano esattamente come si desidera. È anche una pratica ecologica che permette di evitare che molti mobili altrimenti buoni finiscano in una discarica. Per il resto, però, si tratta di un lavoro parecchio faticoso e noioso.

Il rivestimento di un divano vale la pena farlo se si ama davvero la linea e la forma del divano. Dare a un vecchio divano una nuova pelle permette di farlo sembrare come nuovo, ma non cambierà la sua forma, quindi se non siete totalmente innamorati della forma del divano, lasciate perdere. Se invece amate la sua forma, ma odiate la sua copertura attuale, andate avanti.

La prima cosa da fare è rimuovere la copertura sul fondo. In pratica, occorre capovolgere il divano a testa in giù in modo da poter accedere al fondo e togliere le gambe e quant’altro, che vanno ovviamente messe da parte. Con l’aiuto di pinze o altri attrezzi, occorre tirare fuori tutti i punti che fissano la copertura del fondo del divano. Rimuovete quindi tale fondo e mettetelo da parte.

Questo è un buon momento per esaminare l’interno del divano e assicurarsi che tutto è in buone condizioni, a cominciare dall’imbottitura. È anche una buona occasione per verificare la presenza di molle allentate, piegate, o arrugginite che possono avere bisogno di attenzione. Si potranno anche controllare le condizioni del telaio in legno e vedere se è tutto integro.

A questo punto togliete il tessuto intorno alla parte inferiore del divano. Togliete tutte le graffette dal fondo del telaio del divano, in modo che venga rilasciato il tessuto di rivestimento esistente intorno alla parte inferiore del divano. Può darsi che anche la flangia pieghettata intorno alla parte inferiore del divano – un pezzo solo decorativo – debba essere rimossa.

Rimuovete poi la parte posteriore, dopo aver rivolto questa parte del divano verso l’alto. Molto probabilmente, il tessuto posteriore sarà tenuto in posizione da 2 barelle metalliche su entrambi i lati della parte posteriore del divano, e da una striscia pinzata lungo la parte superiore. Fate scivolare un coltello sotto la cucitura su uno dei lati e sollevate fino a rilasciare la barella.

Si vuole salvare e riutilizzare queste barelle, quindi fate attenzione a non piegarle troppo quando le rimuovete. Una volta che le avete rimosse, etichettatele con un pennarello indelebile e mettetele da parte. Ripetete la procedura sull’altro lato della parte posteriore del divano. Staccate infine i punti metallici e la parte posteriore del tessuto sopra la parte superiore del divano.

Aprite e rimuovete poi i braccioli del divano. Spesso il rivestimento è tenuto in posizione da una barella metallica sul lato anteriore, e una striscia di cartone pinzata lungo la parte superiore. Rimuovete la barella metallica sul lato nello stesso modo con cui avete fatto nella parte posteriore. Quindi rimuovete tutti i punti metallici dalla striscia di cartone lungo la parte superiore.

Una volta tolto tutto il vecchio rivestimento, create dei nuovi pezzi di tessuto. Tagliate i pezzi nuovi usando i vecchi pezzi come un modello. Cucite i nuovi pezzi insieme esattamente allo stesso modo in cui lo erano quelli vecchi. Procedete quindi nel rivestire e rimontare il divano esattamente con una procedura inversa rispetto a quella seguita nel togliere il rivestimento.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *