Come tagliare il vetro fai da te

Il taglio del vetro è un’abilità che può essere appresa, e le tecniche coinvolte non sono affatto complicate. Certo, è possibile sostituire il vetro con il polietilene. In breve tempo, però, la plastica diventa giallastra e fragile e deve essere sostituita. Il vetro è superiore perché è resistente, non è così costoso, è sempre trasparente e – soprattutto – è fatto con materiale riciclabile.

Ma come tagliare il vetro? Le seguenti tecniche di base dovrebbero permettervi la maggior parte dei lavori di taglio del vetro. Si dovrebbe però fare prima un po’ di pratica su dei pezzi inutilizzabili. Non solo, quelle schegge apparentemente inutilizzabili di vetro, se si accumulano in quantità, potranno essere riciclate ed usate per realizzare mosaici o altri progetti creativi.

Innanzitutto, togliete la polvere dalla parte superiore della superficie di taglio, preferibilmente ponete il pezzo da tagliare su un tavolo liscio. Poi procuratevi tutti gli strumenti necessari: olio, pinze, metro a nastro, riga e taglierina per il vetro. Posizionate il pannello o il foglio che si desidera tagliare sul tavolo e assicuratevi che la zona da tagliare non abbia vernice, sporco, stucco, etc.

A questo punto, tenendo un righello contro il vetro, versate un flusso sottile di olio leggero lungo la linea di taglio. Dopodiché, con decisione – ma non rigidamente! – con un movimento ampio della taglierina segnate il vetro lungo la linea di taglio. Se l’avete fatto correttamente, avrete sentito un ticchettio molto piacevole. Ricordate, la taglierina va premuta solo un minimo, non dovete tagliare.

Se vedete delle piccole scaglie di vetro volare in aria in questa fase, vuol dire che o ci si è dimenticato l’olio o che la taglierina è troppo forte o che si è applicata troppa pressione. Dopo aver segnato il vetro, esercitate una pressione su uno dei due pezzi tenendo l’altro saldamente. Il vetro si romperà lungo la linea di taglio. Non aspettate troppo, o potrebbe non rompersi in modo pulito.

L’idea è di indebolire il vetro concentrandosi sulle tensioni interne lungo un unico percorso. Queste sollecitazioni vengono poi ampliate per rompere il vetro in due parti in modo preciso. Infine, se necessario per evitare di tagliarsi, si dovrebbero smussare i bordi dei due nuovi vetri con una carta da smeriglio bagnata (oppure direttamente con una smerigliatrice, se disponibile).

Se dovete tagliare un vetro di sicurezza, in primo luogo segnate il vetro da un lato, e premete i pollici saldamente su tale lato fino a quando non si sente lo scatto del lato inciso. Poi segnate e fate scattare l’altro lato. Infine, applicate un sottile flusso di liquido infiammabile lungo il taglio e accendetelo. Quando il calore del fuoco avrà indebolito la plastica tra le lastre di vetro, si può tagliare il vetro di sicurezza in due pezzi con una semplice lama di rasoio, senza la necessità di ricorrere a strumenti speciali.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *