Come zincare fai da te

Come zincare un metallo per proteggerlo dalla ruggine e prevenirne l’usura? La cosa è meno difficile di quanto si pensi, e dunque si presta al fai-da-te: si tratta infatti di galvanizzare gli oggetti metallici in questione, cioè applicarvi sopra un rivestimento metallico protettivo tramite un bagno galvanico.

L’uso più comune della zincatura riguarda oggetto di acciaio o ferro. Industrialmente, il metodo più comunemente usato è la zincatura a caldo, che si fa immergendo l’oggetto in zinco fuso. Tuttavia, la zincatura galvanica fai-da-te è molto più semplice e non richiede attrezzature speciali.

Per garantire un processo di zincatura corretto, è necessario pulire accuratamente la superficie da zincare: lavare a fondo o levigare la superficie da trattare dovrebbe essere in genere sufficiente. Dopodiché, occorre collegare l’elemento da galvanizzare al polo negativo di un alimentatore da 5 volt. Infine, occorre collegare il terminale positivo ad una striscia di zinco metallico.

Poi occorre procurarsi 30 g di solfato di zinco e dissolverli in 100 mL di acqua. Immergete entrambi gli elettrodi nella soluzione di solfato di zinco e fate in modo che non si tocchino. Quindi applicate corrente agli elettrodi con l’alimentatore da 5 V e fatelo funzionare per circa un minuto per dare al metallo uno strato di zincatura. Rimuovete l’oggetto, che ora è zincato.

Un bagno di zinco facile può essere fatto anche con altri ingredienti casalinghi rendendo ancora più semplice l’operazione di galvanizzazione fai-da-te. Mettete l’anodo di zinco in un bagno di aceto, che farà leggermente sciogliere lo zinco e gli permetterà di diffondersi nel bagno. Dopo averlo lasciato per un po’, utilizzate del sale (100 g/l) per fare il bagno conduttivo.

Per testare la proprietà antiruggine, posizionate l’oggetto zincato sopra un tovagliolo di carta imbevuta di acqua salata. Si dovrebbe anche mettere accanto un elemento dello stesso metallo non protetto per un confronto. Coprite con l’asciugamano per evitare l’evaporazione e aspettate un giorno o due. L’oggetto trattato deve rimanere privo di ruggine, l’altro inizierà ad arrugginire.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *