Costruire metal detector arduino

Chi non desidera andare a caccia di tesori con un metal detector o cercametalli? Certamente è possibile acquistarne uno, ma è più divertente costruirne uno noi stessi con l’aiuto di una scheda Arduino, piuttosto che continuare a cercare di trovarne uno buono su Internet.

Un metal detector permette di rilevare la presenza di un metallo nelle vicinanze senza toccarlo. La maggior parte dei metal detector utilizza una bobina di ricerca come parte di un circuito oscillatore. Quando il metallo si trova in prossimità della bobina di ricerca, la frequenza delle oscillazioni si modifica e può essere percepita anche dal nostro orecchio. Molti metal detector professionali usano un altro oscillatore più stabile come riferimento per la frequenza della bobina di ricerca.

Solitamente la frequenza di tale oscillatore di riferimento ​​è regolata in modo da corrispondere esattamente a quella dell’oscillatore della bobina di ricerca quando quest’ultima non è nelle vicinanze di nessun metallo. I segnali provenienti da questi due oscillatori vengono quindi alimentati da un circuito, generalmente analogico, che creano un’uscita proporzionale alla differenza di frequenza fra le due. Questo segnale può essere sia un tono udibile sia un numero leggibile su un apposito display.

Un altro dispositivo ottimo per rilevare i piccoli cambiamenti di frequenza è un microcontrollore. Si può quindi sostituire l’oscillatore di riferimento con un microcontrollore, come ad esempio una scheda open source Arduino. Il circuito oscillatore fornisce un segnale intorno a 160 kHz al pin 5 della scheda Arduino. Il software di Arduino misura la frequenza molto accuratamente. Quando il pulsante ‘NULL SW’ viene premuto, tale frequenza viene memorizzata. Ogni deviazione da questa frequenza viene segnalata opportunamente.

Ciò avviene un po’ come in un contatore Geiger, con dei “clic”. Il tasso dei clic aumenta quando il metallo si avvicina alla bobina. Quando il metallo viene a trovarsi nelle vicinanze della bobina di ricerca, altera la frequenza, che viene immediatamente rivelata da Arduino. Invece del tono crescente caratteristico dei metal detector professionali, questo apparecchio fai-da-te utilizza un buzzer piezoelettrico, che emette il tipo di rumore normalmente associato a un contatore Geiger.

Conviene provare diverse bobine di ricerca per vedere quella migliore: circa 30 giri di filo a formare un cerchio di 15 centimetri di diametro dovrebbero funzionare bene. Un simile metal detector ha un’eccellente sensibilità e modificando il valore della sensibilità nello sketch, o codice sorgente, che governa la scheda Arduino si rivelano sia oggetti piccoli che grandi. Una vecchia lampada Ikea può essere l’ideale per ospitare l’hardware di un simile cercametalli.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *