Piano cucina fai da te

Alcuni materiali di decorazione del piano cucina sono davvero senza tempo. Il marmo, ad esempio, è davvero fatto per rimanere negli anni. È così classico e resistente, facilmente incorporabile in qualsiasi design, ed è sicuramente degno di una casa di lusso.

I ripiani in marmo sono una scelta sofisticata, classica e bella per le cucine, e permettono di lavorare bene nelle cucine moderne, in quelle tradizionali e anche in quelle di ispirazione vintage. Sebbene non ci siano lamentele riguardo la bellezza e il materiale, spesso sono la spesa e la manutenzione necessaria che non lo fa preferire. Ma cosa succede se si può ottenere l’aspetto del marmo con altri materiali che non ne hanno l’alto costo e gli  inconvenienti? Ecco un’occhiata a quali sono le principali alternative.

Un piano cucina in marmo vero può costare qualcosa come 800 euro, che potete probabilmente investire meglio in una bella vacanza. Ma esistono prodotti laminati economici che sembrano davvero marmo di Carrara. Esistono anche dei piani in formica che assomigliano al marmo e reggono bene nel tempo. Per non parlare, naturalmente, dei piani cucina realizzati con il fai-da-te in calcestruzzo. Ed infine è possibile trovare una corrispondenza approssimativa con la pietra di quarzo artificiale. Online esistono diversi ottimi tutorial per il finto marmo.

Il laminato è una soluzione interessante per chi ama il fai-da-te. Costa a partire da 30 euro per foglio e dura da 10 a 20 anni, con la cura adeguata. Dimenticate ciò che pensate di sapere sul laminato. I produttori hanno iniziato a creare controsoffitti in laminato che imitano gli stili del granito di fascia alta. Non si può notare la differenza fino a quando si tocca. Potete considerare anche la formica, che trovate in diversi eleganti modelli simil-granito da 90 euro per foglio in su.

Se avete intenzione di installare un piano cucina in laminato da soli, non abbiate paura di informarvi con gli esperti su come installare il prodotto acquistato. Per la maggior parte delle persone, si tratta di un lavoro semplice. Le insidie ​​di installazione comuni includono l’assicurarsi che il laminato si adatti perfettamente sulle superfici irregolari, e si possono cambiare facilmente per un capriccio o perché magari si sono rovinati, cosa che non si farebbe con materiali costosi.

Se invece vi piace il granito ma volete spendere poco per il piano cucina, optare per una copertura fai-da-te realizzata con piastrelle in granito. La durata è la stessa della lastra di granito – cioè dura a tempo indeterminato – ma con il fastidio di avere stucco sporco e screpolature. Avrete bisogno di una sega bagnata per tagliare le piastrelle, ma l’installazione è la stessa di qualsiasi altro progetto di piastrellatura. Stendete un fondo di colla sottile sulla superficie, e usate dei distanziatori per separare le piastrelle.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *